Come funziona un ripetitore WiFi

Un ripetitore WiFi funziona collegandosi alla rete locale del router e poi ritrasmettendolo ad una seconda grande area di copertura. È diventato abbastanza popolare nelle case e negli uffici, ma molte persone non si rendono conto che possono avere due reti separate in casa o in ufficio senza dover installare un altro router o collegarli con un’altra connessione wireless. Questo si ottiene con un semplice processo di utilizzo di un “hot spot” che utilizza un solo segnale da un solo router. Se si dispone sia di un router che di un modem, e si vuole utilizzare questo metodo, sarà necessario utilizzare un router con una porta Ethernet, che si trova sul retro del router.

Per rendere possibile tutto questo, è importante avere un hotspot WiFi che sia di natura wireless, come quello che permette di condividere il proprio portatile con altri utenti che sono collegati ad un router wireless, così come con altri computer che hanno una porta Ethernet. Poi avrete bisogno di un router che abbia una porta Ethernet, e potrete collegare il vostro portatile a quel router. Un’altra opzione che avete quando scegliete un router è quella di collegare il vostro portatile alla porta USB. Questo rende possibile eseguire più reti in un unico luogo, e si possono avere reti diverse su diversi computer, che si possono poi collegare. Il bello è che di solito sono molto facili da configurare, e ci vorranno solo un paio di minuti per configurarli. Basta seguire le istruzioni che vi vengono date, e sarà pronto per l’uso. Capire il funzionamento del ripetitore non è in fondo poi così difficile, e anche il suo utilizzo è semplice e lineare, ma molto spesso questa è una caratteristica che dipende dal modello particolare che si decide di acquistare.

Quando si utilizza un ripetitore WiFi, si possono avere due reti separate che vanno in contemporanea. Una, chiamata rete primaria, è quella che sarà disponibile al pubblico. L’altra, nota come rete secondaria, sarà privata e sarà accessibile solo a chi è già connesso alla rete pubblica. Per iniziare, bisogna prima creare una password separata per la rete secondaria. Poi, aprire il browser internet e inserire la password che si è creata. Poi, andare al secondo hotspot WiFi e cliccare sul pulsante che dice “connect”. Infine, collegare il laptop alla porta sul retro del router, che si è utilizzato come router.

Tutto quello che c’è da sapere lo trovi qui sul sito